Visualizzazione e mappa
Alto contrasto Contrasto base Mappa del sito
Privacy Note Legali



800.974.318
Numero Verde
Segnalazione guasti
agli impianti elettrici
e semaforici

800.428.722
Numero Verde
Rifiuti Urbani e
Servizio rifiuti speciali
049.9709603
Comando Polizia Locale



5 per 1000
ai Servizi Sociali
del Comune

Codice Fiscale
80009770282






 
Canali News
Dati Archiviati

Al Teatro Filarmonico apre la Stagione lirica 2003/2004

Un programma di spettacoli proposto dall'Associazione Culturale "Amici del Cristo" che avr? inizio Sabato 6 Dicembre con il Barbiere di Siviglia.

SABATO 6 DICEMBRE 2003

IL BARBIERE DI SIVIGLIA

Conte d'Almaviva: Daniele Gaspari

Bartolo: Niccolò Ceriani

Rosina: Giovanna Lanza

Figaro: Paride Pandolfo

Basilio: Salvatore Giacalone

Fiorello: Alberto Locatelli

Berta: Federica Bressan

Maestro Concertatore al pianoforte : Luisa Zecchinelli

 

TRAMA: Opera buffa in due atti su libretto di Cesare Sterbini dalla commedia di Beamarchais (1778). Prima rappresentazione Roma, 1816. Piazza di Siviglia: il Conte di Almaviva che si finge il povero Lindoro, fa una serenata a Rosina, pupilla del vecchio dottor Bartolo che vuole sposarla. Aiutato da Figaro, barbiere e factotum, progetta di entrare in casa travestito da soldato ubriaco. Da qui inizia la serie di mascheramenti tra tentativi di seduzione e rivelazioni comiche che sveleranno la vera identit? del Conte che alla fine riuscir? a sposare Rosina con il beneplacito del tutore

 

SABATO 17 GENNAIO 2004

L'AMICO FRITZ

Suzel: Annunziata Lia Lantieri

Fritz Kobus: Sergio Spina

Beppe: Ornella Silvestri

David: Andrea Zese

violino solista: Davide Dal Paos

Federico: Giuseppe Noventa

Hanezò: Alberto Locatelli

Caterina: Alessandra Perbellini

Maestro Concertatore al pianoforte: Luisa Zecchinelli

 

TRAMA: Opera in tre atti su libretto di P. Suardon. Prima rappresentazione Roma, 1891. Commedia leggera ambientata in Alsazia: Fritz Kobus, ricco proprietario terriero e scapolo impenitente, scommette con il rabbino David che non riuscir? a convertirlo al matrimonio. Naturalmente perder? la scommessa, conquistato dalla semplice grazia di Suzel, deliziosa figlia di un suo fittavolo.

 

SABATO 28 FEBBRAIO 2004 ore 21:00

CIN-CI-LA'

"Teatro Musica Novecento?

 

TRAMA: Operetta in tre atti su libretto di Carlo Lombardo. Prima rappresentazione Milano, 1925. A Makao, favoloso paese dell'estremo Oriente, la principessa Myosotis, figlia di Fon-Ki re di Makao, sposa il principe Ciclamino, erede al trono di Corea. Il popolo ? felice perch? i festeggiamenti dureranno finch? non sar? consumato il matrimonio, annunciato dal suono di un carillon; e sono destinati a durare a lungo perch? entrambi gli sposini non sanno assolutamente nulla sull'amore. Il re pensa allora di incaricare l'ex-amante Cin-ci-l?, ora attrice e ospite straniera, di istruire il giovane principe all'arte amatoria; altrettanto però, far? il suo amante nei confronti di Myosotis. Quando il carillon suoner? per entrambi i giovani, il re si sentir? tradito, ma i due coniugi prometteranno reciproca fedelt?.

 

SABATO 13 MARZO 2004

PAGLIACCI

Nedda (Colombina): Paola Coluccia

Canio (Pagliaccio): Salvatore Schiano di Cola

Tonio (Taddeo): Silvio Zanon

Peppe (Arlecchino): Giuseppe Noventa

Silvio: Paride Pandolfo

Coro "Teatro Verdi? di Padova - Maestro del Coro: Ubaldo Composta

Maestro Concertatore al pianoforte: Corrado Loffredi

 

TRAMA: Opera in 2 atti su testo del compositore. Prima rappresentazione Milano, 1892. Il Prologo, cantato da Tonio, avverte il pubblico che ? una storia vera con protagonisti realmente vissuti. Gli abitanti del paese di Montalto danno il benvenuto ad una compagnia di attori girovaghi. Mentre Canio e Beppe sono in una locanda, Tonio tenta di corteggiare Nedda che, di disgustata dalla sua bruttezza, lo respinge. Arriva Silvio, suo amante e Tonio, nascosto ad ascoltarli, informer? Canio, il marito geloso. Egli arriva in tempo per sospettare un appuntamento tra gli amanti, fa per lanciarsi su Nedda ma ? trattenuto da Beppe che gli ricorda che devono subito andare in scena, e Canio canta la propria drammatica condizione. Comincia la commedia: Arlecchino (Beppe) fa una serenata a Colombina (Nedda), Taddeo (Tonio) entra e corteggia Colombina, che lo scaccia. La scena d'amore ? interrotta dall'arrivo di Pagliaccio (Canio), ed ? cos? simile al reale che Canio non si controlla più, chiede il nome dell'amante e al rifiuto di Colombina la pugnala e pugnala anche Silvio, accorso per soccorrerla. La commedia finisce in tragedia.

 

Vendita dei biglietti presso il Cinema Politeama

Tel. 049-9708356

Platea ? 12

Galleria ? 10

 

Informazioni e prenotazioni:

Associazione Culturale "Amici del Cristo" tel.049-9702807