Visualizzazione e mappa
Alto contrasto Contrasto base Mappa del sito
Privacy Note Legali



800.382.960
Numero Verde
Segnalazione guasti
agli impianti elettrici
e semaforici
800.428.722
Numero Verde
Rifiuti Urbani e
Servizio rifiuti speciali
049.9709603
Comando Polizia Locale



5 per 1000
ai Servizi Sociali
del Comune

Codice Fiscale
80009770282






 
Canali News
Dati Archiviati

Prevenzione della Processionaria del Pino

INTERVENTI DEL PERIODO AUTUNNALE:-
- controllo presenza sulle piante dei nidi;
- eventuali interventi di trattamento con endoterapia entro il mese di novembre

INTERVENTI DEL PERIODO INVERNALE: rimozione e distruzione dei nidi nei mesi di dicembre-gennaio

Si ricorda a coloro che abbiano piante che possano essere infestate dal parassita detto "processionaria del pino" (Thaumetopoea pityocampa), che colpisce soprattutto alberi appartenenti ai generi "pinus (nigra, sylvestris, pinea, pinaster ..) e cedrus" di provvedere come indicato nell'allegata ordinanza sindacale, controllando l'eventuale presenza del parassita sulle proprie piante nel periodo autunnale.
L'infestazione si manifesta con la presenza di nidi del parassita sugli alberi del genere Pinus e Cedrus, nei quali schiudono le larve urticanti nel periodo primaverile.

In caso di presenza dei nidi (masse sericee chiare presenti soprattutto all’apice dei rami più esterni e più alti):

- provvedere all’asportazione e distruzione dei nidi nel periodo più freddo, indicativamente dicembre/gennaio, o comunque prima che le larve fuoriescano, con le idonee misure precauzionali;
- nel primo periodo autunnale (da settembre a novembre) possono essere eseguiti interventi di endoterapia, cioe' iniezioni di soluzioni nel tronco con prodotti a base di Abamectina, a cura di professionisti, nel caso in cui l’asportazione dei nidi non sia facilmente praticabile.

Nelle forme larvali questi insetti possono avere possibili effetti negativi sulla salute delle persone o animali che risiedono o frequentano le aree interessate da tale infestazione, in quanto i peli delle larve (bruchi) sono urticanti e possono generare reazioni infiammatorie/allergiche cutanee, agli occhi e alle vie respiratorie, soprattutto in soggetti particolarmente sensibili.

Ulteriori informazioni presso Ufficio Ambiente