Visualizzazione e mappa
Alto contrasto Contrasto base Mappa del sito
Privacy Note Legali



800.974.318
Numero Verde
Segnalazione guasti
agli impianti elettrici
e semaforici

800.428.722
Numero Verde
Rifiuti Urbani e
Servizio rifiuti speciali
049.9709603
Comando Polizia Locale



5 per 1000
ai Servizi Sociali
del Comune

Codice Fiscale
80009770282






 
Canali News
Dati Archiviati

Informazioni di prevenzione e lotta alle zanzare - virus West Nile

Recentemente, anche in Italia, le zanzare hanno manifestato la capacità di essere portatrici di malattie virali:

-         la zanzara tigre (Aedes albopictus) per dengue, febbre chikungunya, zika virus;

-         la zanzara comune (Culex pipiens, zanzara notturna che punge dal tramonto all’alba) per la malattia da virus west-nile.

In questo periodo si sono manifestati casi di infezione umana da virus west nile e sono stati trovate positive a questo virus anche zanzare in apposite trappole posizionate nella Provincia di Padova.

Questo virus è trasmesso dalla zanzara notturna, quella che conosciamo da molto più tempo.

E’ necessario pertanto che tutti collaborino per ridurre le possibilità di proliferazione di tali insetti ma anche che ci si protegga dalle punture dell’insetto, sia soggiornando in luoghi chiusi o protetti da zanzariere, sia utilizzando appositi repellenti cutanei ed indumenti coprenti, negli orari e luoghi più rischiosi.

Questo vale ancora di più per le categorie sensibili come anziani, bambini, soggetti immunodepressi …, sulle quali una eventuale infezione può manifestarsi in modo più importante.

Si allegano i depliant:  "Scelta del corretto uso repellenti cutanei per zanzare";
"Regole per combattere le zanzare"; “Difendiamoci dalla zanzara tigre e dalle malattie che può trasmettere".

Il Comune ha potenziato i trattamenti di disinfestazione larvicida nei tombini ed adulticida nelle aree sensibili, quali parchi pubblici, cimiteri, manifestazioni pubbliche …, come da indicazioni dell’ULSS n. 6 e disposizioni regionali.

Si invita alla cura delle proprietà private, con adeguato sfalcio ed eliminazione dei ristagni d’acqua.

A tal proposito si ricorda ulteriormente ai cittadini, ai gestori di edifici/condomini, ai responsabili di cantieri, alle aziende agricole, ai gestori di depositi di pneumatici, rifiuti, serre .. ed altre attività che possono comportare presenza di accumuli di acqua stagnante, l’obbligo di provvedere, nelle aree private di competenza, alla lotta ai focolai di riproduzione della zanzara tigre nei piccoli ristagni d'acqua, tramite la rimozione/copertura degli stessi, o il trattamento delle acque con prodotti larvicidi quando ciò non sia possibile (es. semplici pastiglie insetticide).

Gli obblighi di lotta alle zanzare sono previsti nell’ordinanza sindacale n. 77 del 04-05-2018, che detta norme di comportamento preventive obbligatorie, in particolare contro la diffusione della zanzara tigre, 

 

CON ORDINE, FINO AL 31 OTTOBRE 2018, come segue:

A tutta la cittadinanza, di:

·         non abbandonare oggetti o contenitori di qualsiasi natura e dimensioni dove possa raccogliersi l’acqua piovana (barattoli, copertoni, rifiuti, materiale vario sparso …);

·         svuotare giornalmente qualsiasi contenitore di uso comune con presenza di acqua e, ove possibile, lavarli o capovolgerli (bacinelle, bidoni, secchi, annaffiatoi);

·         coprire ermeticamente i contenitori d’acqua inamovibili (bidoni, cisterne);

a tutti i condomini e ai proprietari/gestori di edifici, di:

·         trattare in forma preventiva e periodica le caditoie ed i tombini presenti in giardini, cortili e nelle aree esterne di pertinenza degli edifici, con prodotto disinfestante larvicida; la periodicità dei trattamenti deve essere congruente alla tipologia di prodotto usato, secondo le indicazioni riportate in etichetta ed il trattamento ripetuto dopo ogni pioggia di forte intensità;

·         registrare i trattamenti in apposito registro e conservare le ricevute di acquisto dei prodotti, da esibire su richiesta delle autorità di controllo;

·         provvedere al taglio periodico dell’erba ed al contenimento della vegetazione nelle aree verdi per evitare che possano occultare micro focolai;

·         evitare l’accumulo di rifiuti di ogni genere in quanto possono dare luogo alla formazione di focolai larvali, evitare il ristagno delle acque meteoriche o di qualsiasi altra provenienza e tenere sgombri i cortili e le aree esterne da erbacce, sterpi che ne possano celare la presenza;

ai proprietari o detentori, ovvero a coloro che hanno la responsabilità o l’effettiva disponibilità di scarpate ferroviarie, scarpate e cigli stradali, corsi d’acqua, aree incolte e aree dismesse, di:

mantenere le aree libere da sterpaglie, rifiuti o altri materiali che possano celare il formarsi di raccolta d’acqua;

ai Consorzi e alle Aziende agricole e zootecniche e a chiunque detenga animali per l’allevamento, di:

·         curare il perfetto stato di efficienza di tutti gli impianti idrici allo scopo di evitare raccolte, anche temporanee, di acqua stagnante;

·         eseguire disinfestazioni periodiche di focolai larvali;

ai responsabili di cantieri di:

·         eliminare le raccolte idriche temporanee e tutti i ristagni d’acqua occasionali;

·         mantenere libere le aree libere da rifiuti o latri materiali che possano favorire il formarsi di raccolte di acqua stagnante;

·         procedere alla disinfestazione larvicida periodica delle aree interessate dall’attività di cantiere, qualora siano presenti caditoie, pozzetti o accumuli di acqua di qualsiasi natura;

a coloro che detengono, anche temporaneamente, pneumatici o assimilabili, di:

·         conservare gli pneumatici in aree rigorosamente coperte o, in alternativa, disporli a piramide dopo averli svuotati da eventuale acqua, ricoprendoli con telo impermeabile fisso e teso, assicurandosi che non formi pieghe o cavità dove possa raccogliersi l’acqua piovana;

·         eliminare o stoccare in luoghi chiusi gli pneumatici fuori uso e non più utilizzabili, dopo averli svuotati da ogni contenuto di acqua;

·         provvedere alla disinfestazione larvicida e/o adulticida, con cadenza quindicinale, degli pneumatici privi di copertura;

a coloro che conducono impianti di gestione rifiuti e attività quali rottamazione, demolizione auto, vivai e ai conduttori di orti urbani, di:

·         procedere ad una periodica disinfestazione larvicida, delle aree interessate da dette attività;

·         coprire ermeticamente tutti i contenitori per la raccolta dell’acqua (bidoni, annaffiatoi, secchi, bacinelle, ecc.);

·         avere cura nell’evitare la formazione di tutti i ristagni occasionali, comprese le pieghe di eventuali teloni di copertura, e provvedere alla loro eliminazione nel caso essi comunque abbiano a formarsi;

all’interno dei cimiteri di:

·         trattare preferibilmente l’acqua dei vasi portafiori con prodotti larvicidi o riempirli con sabbia;

·         eliminare le raccolte d’acqua nei vasi vuoti e sottovasi;

·         tutti i contenitori utilizzati saltuariamente (es. piccoli annaffiatoi e simili) dovranno essere sistemati in modo da evitare la formazione di raccolte d’acqua in caso di pioggia.