Visualizzazione e mappa
Alto contrasto Contrasto base Mappa del sito
Privacy Note Legali



800.974.318
Numero Verde
Segnalazione guasti
agli impianti elettrici
e semaforici

800.428.722
Numero Verde
Rifiuti Urbani e
Servizio rifiuti speciali
049.9709603
Comando Polizia Locale



5 per 1000
ai Servizi Sociali
del Comune

Codice Fiscale
80009770282






 
Dati Archiviati

Informazioni turistiche

Cenni storici su Piove di Sacco

Il territorio della Saccisica, (Terra Saccensis) abitato fin dai tempi antichi dai Veneti, fu occupato dai romani ed in seguito conquistato prima dai Longobardi poi dai Franchi.
In merito all’origine del nome “Saccisica” vi sono diverse tesi, tra le quali l’attribuzione del toponimo al secolo VIII, periodo dell’occupazione longobarda, quando il termine “Saccum” stava ad indicare i terreni di proprietà del fisco regio.
Alcuni studiosi sostengono che il termine derivi dal fiume Sciocco che solcava il Piovese, altri dalla conformazione del territorio che deve la sua morfologia alla sacca formata dallo scorrere delle acque.
Meno accreditate, anche se di più nobili origini, sono le tesi che derivano il nome Saccisica da Esaco, cognato di Antenore, eroe troiano, approdato in queste terre in seguito alla distruzione di Troia, piuttosto che dal nome Saces, militare latino nominato da Virgilio, o da Saci, popolo iraniano di cui si ha notizia da Catullo e da Plinio.
Le fonti riportano che tra il 900 ed il 1000 il Vescovo Gauslino fece costruire la Pieve di San Martino, da cui il nome “Pieve di Sacco”, in sostituzione della Corte di Sacco, per poi divenire Piove di Sacco.
La città di Piove di Sacco deve la sua forma originaria rettangolare alle antiche fortificazioni, realizzate attraverso terrapieni al tempo della dominazione del Vescovado di Padova (a partire dall’880) e completate nel ‘300 dai Carraresi, mediante un sistema di fortificazioni dotato di torrioni, di cui oggi rimane la Torre Maggiore in Piazzetta S. Maria dei Penitenti in prossimità del Duomo.
Alla dominazione Carrarese succede il fiorente periodo della Repubblica di Venezia, la Serenissima, durante il quale si assiste allo sviluppo dell’arte, dell’architettura (“palazzi veneziani”, “ville venete”) e vengono realizzate imponenti opere di bonifica e di protezione dalle acque.
Storicamente il capoluogo è diviso in rioni ovvero: San Rocco, San Francesco, San Nicolò, Sant'Anna, Madonna delle Grazie e San Martino (Zona centro — Duomo).
L'origine dello stemma della città, che nel corso dei secoli ha subito innumerevoli variazioni per poi avvicinarsi alla conformazione originaria, è molto antica come riportano alcuni documenti del XIV sec.; alla Podesteria di Piove di Sacco si associava l’insegna con la figura di San Martino a cavallo che cede una parte del suo mantello ad un povero ignudo.
Oggi i comuni che compongono la Saccisica sono dieci: Piove di Sacco, la “capitale storica” del territorio Saccense, Arzergrande, Bovolenta, Brugine, Codevigo, Correzzola, Legnaro, Polverara, Pontelongo, Sant'Angelo di Piove di Sacco. 

Indicazioni turistiche

Torre Maggiore
Alla base è riconoscibile un alto zoccolo in pietra, mentre il resto della costruzione è in mattoni faccia a vista; si notano alcuni fori e tre bassorilievi in pietra: San Martino che dona il mantello al povero, lo stemma con il Leone di San Marco e lo stemma di uno dei Podestà di Piove. E’ stata recentemente restaurata e si può salire in cima e godere del panorama della città.
Accessibilità: visitabile in occasione di mostre o previo contatto telefonico con l'Ufficio Turismo

Duomo (Arcipretale di San Martino)
Anche se l’epoca di costruzione dell’edificio originario è di dubbia datazione, alcuni studiosi ritengono che l’antica Pieve in stile romanico risalga al Mille, mentre l’edificio giunto fino a noi, in parte rimaneggiato, è stato fatto realizzare dall’arciprete Roberto Coin tra l’ottocento ed il Novecento; l’interno contiene opere interessanti quali la pala della Madonna del Carmelo di Gianbattista Tiepolo e l’altare del Santissimo Sacramento di Jacopo Sansovino del 1554.
Il Duomo è collegato dalla Sagrestia alla Chiesetta di Santa Maria dei Penitenti, al cui interno si può ammirare un affresco della scuola di Giotto oltre a tele del ‘500 e del ‘600.
Accessibilità: visitabile tutti i giorni.

Palazzo del Monte di Pietà
La costruzione risale al 1491 periodo in cui i patrizi veneziani costruiscono numerosi edifici secondo la tipologia del “palazzo veneziano”. Oggi l’edificio è adibito ad uffici ed abitazione ed è caratterizzato da un portico ad arcate e volte a crociera e marcapiani in pietra. Sopra al marcapiano della facciata principale vi è un bassorilievo rappresentante La Pietà, mentre una delle lunette del portico è affrescata con una raffigurazione di San Franceso nella Piazza di Piove, opera del Bolzonelia.

Palazzo Barbaro Lorenzoni
Tipico esempio di elegante abitazione, realizzato intorno alla metà del ‘500, forse su progetto del Sansovino. L’interno del palazzo è ben conservato: il salone centrale ha la copertura con travi a vista, nel seminterrato ci sono tre locali coperti da un’ampia volta a botte in cotto destinati a servizi e cantine. Al piano nobile, dove si trova un loggiato a cinque archi con colonne esterne, si accede dal giardino attraverso una scala a doppia rampa.
Indirizzo: via Davila, 16
Accessibilità: visitabile su appuntamento (dott. Vittorio Lorenzoni tel. 049 5840161)

Palazzetto Sartori
Edificio porticato, presenta una facciata con trifora centrale ad archi a tutto sesto.
Accessibilità: non visitabile

Palazzo Bertani Doardo
E' interessante per lo stile imponente della facciata ricca di elementi decorativi; esempio di casa con il portico decorato a bugnato con pilastri ai lati esterni e una coppia di colonnine binate al centro.
Indirizzo: via Garibaldi, 90
Accessibilità: visitabile su appuntamento (Sig. Orlando e Antonio Doardo tel. 049 5840066)

Palazzo Pinato Valeri
E di difficile datazione visti i numerosi restauri e i diversi materiali utilizzati. Tuttavia un documento del 1726 parla di questo edificio come costruzione ad un unico piano finestrato, oltre al piano terreno porticato.
Indirizzo: via Garibaldi, 60
Accessibilità: visitabile previo contatto telefonico con l'Ufficio Turismo

Casa Vallini Corazza
Commissionata dai nobili veneziani Morosini, risale al XVI secolo, anche se la facciata presenta alcuni elementi decorativi del XVII secolo. Accedendo al portico, ci si trova nell’atrio, pavimentato in blocchi di trachite.
Tra il piano terra e il piano nobile, caratterizzato dal salone, si trova il mezzanino. La struttura originaria è ancora riconoscibile e si può ammirare la pavimentazione costituita dalla “palladiana”.
Indirizzo: via Garibaldi, 61
Accessibilità: visitabile al mattino (9.00-12.00) ed al pomeriggio (18.00 - 19.00) (Sig. Fannj Doardo Corazza).

Palazzo Gradenigo
Risale al 1765 anche se ricostruito nel 1788 è costituito dal corpo principale, il cui interno è quasi interamente affrescato , dalle barchesse e dall’oratorio. E’ uno dei monumenti più imponenti del Comune di Piove di Sacco, che si sviluppa su cinque piani.
Indirizzo: via Garibaldi
Accessibilità: non visitabile

Palazzo Badoer Sommer
Appartenuto alla famiglia veneziana Badoer risale aI ‘600. Presenta una tacciata lineare sorretta da tre archi con la trifora al piano nobile; interessante il cornicione dentellato.
Indirizzo: via Garibaldi, 69-73
Accessibilità: visitabile, per appuntamento, solo per motivi di studio (Sig. Francesco Sommer tel. 049 5840370 fax 049 9703353).

Villa Dante
Tipico esempio di “Villa Veneta”
Indirizzo: via Garibaldi, 90
Accessibilità: non visitabile

Villa Rosso
del XVII secolo, in gran parte ha conservato la struttura originale, caratterizzata da un seminterrato per i servizi e dal piano nobile rialzato; è ancora riconoscibile la cinta muraria che delimita orto e brolo. Per un certo periodo è appartenuta alla famiglia veneziana dei Priuli.
Indirizzo: via Breo
Accessibilità: non visitabile

Villa Priuli
Costruita tra il XVI e XVII secolo, costituisce il corpo centrale del complesso architettonico a cui appartengono anche due barchesse, un oratorio ed un’esedra di epoche diverse.
Indirizzo: via Borgo Rossi
Accessibilità: visitabile su appuntamento (Ballan tel. 049 5840340)

Palazzo Municipale
Costruito su progetto di Giuseppe JappeIli nel 1818 in sostituzione del precedente palazzo di origine medievale. Nel piano nobile e precisamente nella Sala dei Melograni (la sala della Giunta) sono raccolti gli stemmi della Città di Piove di Sacco: un grande San Martino settecentesco realizzato ad intaglio ligneo proveniente dalla torre civica; (sopra la porta) lo stemma policromo con le tre melagrane (allusione della fertilità della terra), in origine simbolo del patrizio veneto Michele Battaglia, uno dei Podestà di Piove.
Indirizzo: Piazza Matteotti, 7
Accessibilità: visitabile previo contatto telefonico con l'Ufficio Turismo

Teatro Filarmonico Comunale
In prossimità del Municipio si trova il teatro comunale costruito nel 1862, la cui facciata è decorata con stucchi e specchiature in marmomo e pietra tenera; l’edificio del teatro ingloba anche il “Caffè Grande”.
Indirizzo: via Cardano, 6
Accessibilità: visitabile in occasione degli spettacoli o previo contatto telefonico con l'Ufficio Turismo

Pescheria monumentale
Edificata tra il 1903 ed il 1906, costituita da uno spazio aperto coperto da una struttura lignea a capriate e da una facciata a tre fornici in finto bugnato è tuttora in uso.
Indirizzo: Piazza Vittorio Emanuele
Accessibilità: visitabile

Chiesa di San Nicolò
L’edificio dedicato a San Nicolò (patrono dei marinai), già esistente nel 1165 e costruito da barcaioli e pescatori, è caratterizzato da muri spessi 50cm e dai materiali; le murature intatti presentano un’alternanze di mattoni, ciotoli e materiali di recupero. Il nucleo degli affreschi più corposo risalente al XIV secolo è di dubbia attribuzione; alcuni sostengono che sia stato realizzato da seguaci giottesco-riminesi, altri da Paolo da Venezia.
Indirizzo: V. S.Nicolò
Accessibilità: visitabile su richiesta, tel. 338.1199983 (Sig. Miotto Mario)

Il Santuario della Madonna delle Grazie
Sorto sui ruderi di un antico monastero nel 1484 è caratterizzato dalla grande navata interna con copertura a capanna secondo la tipologia delle chiese francescane; conserva la preziosa opera, attribuita alla mano di Giovanni Bellini, raffigurante "La Vergine col Bambino".
Indirizzo: Viale delle Grazie
Accessibilità: visitabile, orari: 9.00 - 12.00; 15.00 - 19.00

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

www.comune.piovedisacco.pd.it 

Link utili