Visualizzazione e mappa
Alto contrasto Contrasto base Mappa del sito
Privacy Note Legali



800.974.318
Numero Verde
Segnalazione guasti
agli impianti elettrici
e semaforici

800.428.722
Numero Verde
Rifiuti Urbani e
Servizio rifiuti speciali
049.9709603
Comando Polizia Locale



5 per 1000
ai Servizi Sociali
del Comune

Codice Fiscale
80009770282






 
Canali News
Dati Archiviati

Guida ai Servizi delle Associazioni 2004

Presentazione della Guida ai Servizi delle Associazioni 2004 - Venerd? 10 Ottobre 2003, ore 20:30 presso Il Teatro Filarmonico comunale.

Guida Associazioni 2003

Presentazione della GUIDA AI SERVIZI DELLE ASSOCIAZIONI 2004

 

Intervengono

 

  • CARLO VALERIO, Sindaco del Comune di Piove di Sacco
  • EFREM TASSINATO, Presidente della Consulta delle Associazioni
  • VANNA BENASCIUTTI, Assessore alla cultura del Comune di Piove di Sacco
  • ALBERTO CANOVA, Assessore ai servizi sociali del Comune di Piove di Sacco
  • ALBERTO PADOAN, Assessore ai servizi educativi del Comune di Piove di Sacco
  • ADRIANO ROMANI, Assessore allo sport e al tempo libero del Comune di Piove di Sacco

 

Seguir? lo SPETTACOLO TEATRALE

 

 

Vozi dal mar e da la tera

 

  • poesie e momenti della cultura veneta scelti da Enrico Grandesso
  • regia e voce recitante Pino Costalunga
  • fisarmoniche di Marco Toffanin e Sergio Marchesini

 

I testi e i personaggi emblematici, i temi-chiave e le situazioni individuati per questo spettacolo, attraverso secoli di letteratura - in poesia, ma anche in prosa e in teatro - fungono da un lato da sintesi culturale, dall'altro da espressione di stili e tematiche, di sofferenze e speranze emersi nella storia di una terra e della sua vita. Le vozi scelte per lo spettacolo interpretato da Costalunga esprimono, nel primo tempo, il vibrante contrasto creatosi nell'ultimo millennio tra due realt? economiche, politiche e culturali assai diverse: Venezia, la capitale e grande citt? di mare e di commercio, e l'entroterra, meno  raffinato,  più povero e di economia contadina.

La prima parte inizia con tre rappresentazioni del tema del viaggio: alla ricerca di un altrove ultraterreno (l'Inferno e il Paradiso di Giacomino da Verona); di un paese lontano meta dell'espansione commerciale (la Cina di Marco Polo); e di una campagna ideale, dove tutto - paesaggi e campi, alberi e animali, uomini e donne-prospera rigoglioso (il Pavan dell'Orazione del Ruzante).

La seconda parte ? invece un tuffo nel Novecento, dove il confronto tra Venezia e l'entroterra in parte rimane, ma viene altres? stemperato, negli ultimi decenni, dalla nuova realt? economica dell'entroterra, impostasi con veemenza. Venezia appare e con lei l'eco del mare e delle onde; la bellezza d'una citt? in perenne decadenza, i pescatori e le isole di sogno, la volutt? d'essere "andefar? de gnente?, sono cantati da Diego Valeri, Mario Stefani, Biagio Marin e Berto Barbarani.

Quindi il passaggio, in un secolo di storia, dalla miseria ai soldi e alle grottesche sirene della "civilt??. Ampliandosi, per eredit? storica, al Friuli, si ricordano le voci di Turoldo e di Pasolini che denunciarono profeticamente l'impoverimento culturale del "Nord-Est? e la crisi strisciante della solidariet? e dei valori naturali. In loro, il rimpianto di quella ricchezza d'umanit? che ingentiliva gli uomini pur nella miseria, e che traspare nei versi scelti di Rebellato e Dematt?. Le poesie di Noventa e Calzavara sondano quindi, con forza e mordace ironia, il polso della situazione creatasi.

L'ultima parte propone scene di vita quotidiana, con le ansie, le gioie e il dolore; la nostalgia del mondo, cantata da Fernando Bandini, e quella di una dimensione dignitosa d'affetto rappresentata sottovoce da Cibotto. Con esse la natura, stupenda dove incontaminata, quando l'emozione ? vibrata dal di dentro: in una realt? che, come la bambina della filastrocca di Zanzotto, ? divenuta adulta, ma che conserva nel dialetto, nel suo umano senza-tempo, la lingua materna e inimitabile di riflessione e coscienza del proprio destino e dovere d'umanit?.

 

Enrico Grandesso

 


 

Teatro Glossa

 

Programma completo

 

Parte prima

Vozi de ieri

 

 

Giacomino da Verona (Verona sec XIII) La citt? celeste

"Ancora ve dirò che diso la scritura....?

Giacomino da Verona (Verona sec XIII) Sarabanda infernale

"Lo fogo ? s? grando, la flama e la calura....?

Marco Polo (Venezia 1254 - 1324) dal "Milione?: La moneta del Gran Khan

"Egli ? vero che in questa citt? di Camblau ?e la tavola....?

Angelo Beolco detto Ruzante ( Padova 1495ca - 1542)  Prima Orazione

"Perch? l'? el cancaro a cazarse don' no se de' e don' no ? onesto....?

Teofilo Folengo, alias Merlin Cocai (Mantova 1491 - Bassano 1544) dal "Baldus? Libro VIII, vv. 657-709 "Na gran magnada? (trad. di B.    Rebellato)

"Li pesca Cingar, sconti 'n fondo 'l cusinon....?

Tifi Odasi (Padova met? sec. XIV - 1492) dalla "Macaronea? vv. 401-424

"Quid dicam? Mores, quando slovignat et implet...?

Leonardo  Giustinian (Venezia 1388 - 1446) Contrasto amoroso (dialogo tra amante ed amata)

"Amante, a sta freddura, perch? sei qui venuto?....?

Camillo Scroffa (Vicenza 1526/27 - 1565) da "I Cantici di Fidenzio?

"Le tumidule genule, i nigerrimi / occhi, il viso peralbo et candidissimo...?

Carlo Goldoni (Venezia 1707 - Parigi 1793) da "Il Campiello? Atto II, Scena XI

 Gasparina: "Che el diga quel che el vol zto mio zior barba.....

Arnaldo Fusinato (Schio Vicenza 1817 - Roma 1889) Brutta ma ricca

"Dio che mostro!... Ha un par di braccia / lunghe e scarne come stecchi....?

 

Parte seconda

Vozi d'ancuo

 

(Venezia e il mare)

 

Diego Valeri (Piove di Sacco, Padova 1887 - Roma 1976)  Batte il mattino?

"Batte il mattino al ferrigno bastione....?

Biagio Marin ( (Grado 1891 - 1985) A sol calao

"Me 'speto senpre, 'speto incora....?

Mario Stefani (Venezia 1938 - 2001) Cossa vien de novo

"Cossa vien de novo / co ' sto vento....?

Berto Barbarani (Verona 1872 - 1945) Sogno de un veronese a Venessia - parte V

" O Venessia de artisti e de Madone.....?

Mario Stefani, Venezia more?

"Venezia more / f? qualcossa zente......?

Biagio Marin, Me son vissuo

"Me son vissuo / favelando co' i nuòli....?

 

(La miseria, i soldi e le sirene della civilt?)

 

Pier Paolo Pasolini (Bologna 1922 - Roma 1975)  da "Lettera aperta a Italo Calvino?

"L'universo contadino, cui appartengono le culture sottoproletarie urbane....?

Pier Paolo Pasolini, Aga del me pais

"Fontana di aga dal me pais.....?

Bino Rebellato (Cittadella 1914) Magnifici signori del paese

"Pescatori di anguille nella magra palude....?

David Maria Turoldo (Udine 1916 - Milano 1992)  da un'intervista con Giuseppe Zois

" Conservo tra i più belli il ricordo dei miei Natali...?

David Maria Turoldo, Natale

"Ma quando facevo il pastore....?

Enzo Dematt? ( Trento 1927) da Tera

"Tera, tera / mureti che la s?ra....?

Giacomo Noventa (Venezia 1898 - Milano 1960) Soldi, soldi? (Inno patriottico)

"Soldi, soldi, vegna i soldi, / Mi vùi venderme e comprar....?

Ernesto Calzavara ( Treviso 1907 - 2000) La casa xe voda

"I crompa la casa e la casa xe voda?

 

(Alla ricerca della vita quotidiana) 

 

Fernando Bandini (Vicenza, 1931) Drio de la porta

     "Ghe xe un fogo che va / e no xe ancora inverno??

Fernando Bandini, No volevo

     "No volevo scapare, / non volevo molarte?

Giovanni Antonio Cibotto (Rovigo, 1925), Carezze

     "L'altra sera, destir???

Ernesto Calzavara, Can

"Can, no te si mio....?

Giacomo Noventa, Un giorno o l'altro...

"Un giorno o l'altro mi tornarò, / No' vui tra z?nte str?nia morir....?

Bino Rebellato, In Val del Mis

"'Ndrento 'a fonda gòa de' a Val del Mis....?

Berto Barbarani, Fru Fru rabiosa

"Se vien che palpa el cucugnel che monta....?

Giovanni Antonio Cibotto, Fanciulla in fiore

"Epure basta strenzarte la man??

Giacomo Noventa, Nei momenti che i basi fermemo

"Nei momenti che i basi fermemo / No' par gusto ma par riflession....?

Giacomo Noventa, Avessimo avùo piet?

"Avessimo avùo piet? de le bele! / Del pia?er, e no' del dolor....?

Andrea Zanzotto (Pieve di Soligo 1921) Cantilena londinese  "Pin Penin / valentin / pena bianca....?